Questo sito contribuisce alla audience di

Deutsche Staatsbibliothek

biblioteca nazionale tedesca con sede a Berlino. Il nucleo è costituito dalla Preussische Staatsbibliothek, fondata come biblioteca di corte nel 1661 e aperta al pubblico nel sec. XVIII. Grazie a forti incrementi, avuti soprattutto al tempo di Federico il Grande, nel sec. XIX funzionava come biblioteca universitaria per Berlino e da allora ospitò alcune delle più importanti istituzioni culturali della Germania, soprattutto a carattere storico e bibliografico. Nel 1939 la biblioteca berlinese era una delle più importanti d'Europa, contando circa 6 milioni di volumi; di questi, allo scoppio delle ostilità, 1.800.000 furono evacuati in altre località (Marburg e Tubinga per la maggior parte) e alla fine della guerra, con la divisione della Germania, vennero trattenuti dalla Repubblica Federale di Germania, mentre l'edificio della biblioteca restava nella Repubblica Democratica Tedesca; tale situazione fu sanata con una complessa trattativa diplomatica al termine della quale la Repubblica Democratica Tedesca accettava, almeno in pratica, la situazione esistente in cambio di aiuti internazionali che permettessero alla Deutsche Staatsbibliothek di ricostruire i propri fondi bibliografici moderni. Al momento della riunificazione tedesca (1990), la Deutsche Staatsbibliothek possedeva oltre 5.000.000 di volumi. Nel 1992 la biblioteca è stata formalmente riunita in un'unica istituzione e nel 2008 possedeva ca. 10 milioni di libri, ca. 4.400 incunaboli, ca. 60.000 manoscritti, oltre a spartiti, mappe, atlanti, periodici, riviste e più di 13 milioni di fotografie, nell'archivio fotografico.

Media


Non sono presenti media correlati