Questo sito contribuisce alla audience di

Dipignano

comune in provincia di Cosenza (13 km), 720 m s.m., 23,19 km², 4192 ab. (dipignanesi), patrono: san Nicola di Bari (6 dicembre).

Centro situato nell'alta valle del fiume Crati. Fu fondato dai profughi cosentini sfuggiti ai Saraceni (sec. IX). Rimase per breve tempo sotto il dominio del granduca di Toscana (1644-47) e in seguito fu sempre legato alle vicende di Cosenza.§ La chiesa di Santa Maria delle Grazie, che conserva elementi architettonici quattrocenteschi, ha un chiostro cinquecentesco e custodisce una statua in marmo della Madonna col Bambino che risale allo stesso secolo.§ L'agricoltura produce cereali, uva da vino (donnici DOC), ortaggi e frutta. Sono praticati lo sfruttamento dei boschi e l'allevamento (ovini, caprini e pollame). L'industria opera nei settori tessile, dell'abbigliamento, dell'imbottigliamento delle acque. È diffuso l'artigianato del rame.

Media


Non sono presenti media correlati