Questo sito contribuisce alla audience di

Dite

(latino Dis-itis o Dispăter), divinità romana ben presto assimilata al greco Plutone, sia come dio degli Inferi (dei quali divenne sinonimo nella letteratura latina), sia come dispensatore di ricchezze (si faceva risalire a divitiae, ricchezze, la sua etimologia). Il più antico sacrario (sacellum) di Dite sorgeva presso l'altare di Saturno (ara Saturni) ai piedi del Campidoglio. Secondo una tradizione, i due culti contigui erano stati fondati entrambi dai Pelasgi che conquistarono il Lazio dopo averne cacciato i Siculi. A Dite si offrivano gli oscilla (piccole maschere o fantocci in forma umana) che, secondo la tradizione, avrebbero sostituito vittime sacrificali umane, la cui abolizione era attribuita a Ercole.

Media


Non sono presenti media correlati