Questo sito contribuisce alla audience di

Docimio

città della Frigia, non lontana dall'odierna Afyon. Nel suo territorio si trovavano le cave di marmo noto nelle fonti latine anche come marmo di Synnada, esportato in tutto il mondo romano. A partire dal sec. I d. C., attorno alle cave si svilupparono parecchie botteghe di marmorari, attivi nella produzione di stele, destinate a un uso più regionale, e di statue e sarcofagi, soprattutto a ghirlande e a colonnette, ampiamente esportati anche nella stessa Roma. Il nome di Docimio compare varie volte come luogo di origine nelle epigrafi che ricordano i nomi di scultori dei sec. II-III d. C.

Media


Non sono presenti media correlati