Questo sito contribuisce alla audience di

Donini, Ambrògio

storico e uomo politico italiano (Lanzo Torinese 1903-Roma 1991). Libero docente in storia del cristianesimo all'Università di Roma (1926), nello stesso anno entrò nel PCI e dal 1928 al 1945 fu costretto a emigrare per attività antifascista. Rientrato in Italia dopo la fine della guerra, fu ambasciatore a Varsavia dal 1947 al 1948. Membro del Comitato Centrale e della Commissione Centrale di Controllo del PCI (1956), direttore della Fondazione Gramsci, è stato senatore dal 1953 al 1963. Dopo il XIX Congresso del PCI (marzo 1990), che sancì la “svolta”, Donini fu tra i promotori del movimento di Rifondazione Comunista. Tra le sue opere: Manuale introduttivo alla storia del cristianesimo (1926), Le basi sociali del cristianesimo primitivo (1946), Lineamenti di storia delle religioni (1959). Larga risonanza polemica ha suscitato la sua Storia del cristianesimo dalle origini a Giustiniano (1975), ispirata a una concezione marxista di tipo tradizionale e assai criticata dalla storiografia di tendenza cattolica.