Questo sito contribuisce alla audience di

Dortmund

Guarda l'indice

città nel Land della Renania Settentrionale-Vestfalia (Germania), 86 m s.m., 590.800 ab. (2003).

Generalità

Situata tra i fiumi Lippe e Ruhr, collegata al Mare del Nord dal Canale Dortmund-Ems. L'impianto urbanistico, pianificato con criteri funzionali dopo le distruzioni della seconda guerra mondiale, conserva il nucleo storico, di forma ellittica, circondato da ampi viali corrispondenti ai bastioni abbattuti nel 1872 e centrato sulla piazza del Mercato. I maggiori monumenti antichi sono stati ricostruiti o restaurati. All'idrovia e alle comunicazioni ferroviarie si sono affiancate, poi, moderne arterie stradali, che collegano la città a tutte le maggiori aree urbane tedesche. L'università è stata istituita nel 1966.

Storia

Citata alla fine del sec. IX con il nome di Trutmania, la città visse un intenso sviluppo commerciale a partire dal sec. XII-XIII, quando aderì alla Lega Anseatica. Nel 1504 ottenne il titolo di città imperiale, decadendo dopo la guerra dei Trent'anni. Ridotta ai primi del sec. XIX a un modesto villaggio agricolo, rifiorì nel corso dello stesso secolo per la presenza di giacimenti di carbone e minerali di ferro, trasformandosi in uno dei centri principali del distretto siderurgico della Ruhr. Lo sviluppo della città si intensificò grazie all'apertura (1899) del canale Dortmund-Ems, all'estremità merid. del quale fu realizzato il porto della città. Nel corso della seconda guerra mondiale la città fu sottoposta a intensi bombardamenti, perdendo molti monumenti e la gran parte delle abitazioni.

Arte

Il Palazzo Comunale è il più antico della Germania (1232). Nella Marienkirche (1170-1200) si conservano un trittico di Konrad von Soest (ca. 1420), capolavoro della pittura tardogotica della Vestfalia, e il Berswordt Altar (sec. XIV). Del Duecento (ma rifatta dopo l'ultima guerra mondiale) è la chiesa basilicale di Sainkt Reinold, che conserva al suo interno due imponenti statue lignee del santo e di Carlomagno. Più tarda (sec. XIV) è la chiesa di Sainkt Peter, tipica Hallenkirche vestfalica, con pianta pressoché quadrata e una notevole ancona del 1521 con scene tratte dalla vita di Cristo, intagliata e dorata dal Maestro Gilles di Anversa. Altra pregevole ancona, realizzata dal fiammingo Derick Baegert verso il 1475, è racchiusa nella Propsteikirche, edificio a tre navate del sec. XIV. Castelli risalenti al sec. XIII, con diverse aggiunte successive, sono l'Haus Bodelschwingh, l'Haus Dellwig e l'Haus Rodenberg. Esempi significativi dell'architettura moderna sono la Westfalenhalle (1952), utilizzata per congressi e spettacoli, e la sinagoga (1956). Il Museum am Ostwall è dedicato all'arte dei sec. XX e XXI, in particolare al movimento espressionista Brücke (Kirchner, Schmidt-Rottluff), al Blaue Reiter (Marc, Macke) e all'avanguardia tra il 1950 e 1970. Nel Museum für Kunst und Kulturgeshichte, sistemato in un edificio in stile Art-Déco del 1924, ristrutturato nel 1999, è illustrata la storia della città e sono esposti mobili, monete, dipinti (C.D. Friedrich, L. Corinth). Lo Zeche Zollern II/IV fa parte dal 1981, insieme ad altri sette insediamenti industriali dismessi della regione, del Museo Industriale della Vestfalia. All'interno delle strutture in stile Art Noveau di questa ex miniera di carbone, viene raccontata la storia dell'industria estrattiva nella Rurh. Il museo Deutsche Arbeitsschutzausstellung, in massima parte interattivo, è dedicato alla salute e alla sicurezza nel mondo del lavoro. Il Deutsches Kochbuchmuseum espone strumenti, oggetti e arredi di cucina.

Economia

Accanto agli stabilimenti siderurgici e meccanici, il settore secondario comprende anche i rami petrolchimico, elettronico e alimentare (la città è la seconda produttrice nazionale di birra); inoltre, Dortmund è sede di alcune grandi imprese di costruzioni, operanti su scala mondiale. Il panorama industriale della città si è arricchito negli ultimi anni con industrie attive nei comparti delle nuove tecnologie e delle telecomunicazioni. Dortmund dispone anche di un'importante area di ricerca scientifica (nei rami chimico, nutrizionale, dell'informazione e, ovviamente, industriale). Il settore terziario si segnala soprattutto per le attività finanziarie. Attivi dal 1988 il Technologie Centre Dortmund e il Technologie Park Dortmund, che accolgono nelle loro strutture circa 200 imprese. Importante è il mercato ortofrutticolo. Aeroporto.

Curiosità e dintorni

Nell'ex collegiata del castello di Cappenberg, risalente ai sec. XII-XIV, sono conservate preziose opere d'arte medievale, tra cui un crocifisso della seconda metà del sec. XII e un reliquiario romanico a forma di ritratto dell'imperatore Federico Barbarossa.