Questo sito contribuisce alla audience di

Dos Santos, José Eduardo

uomo politico angolano (Luanda 1945). Militante del MPLA, combatté al fianco di Agostinho Neto nella lotta contro i Portoghesi. Fece parte della compagine governativa dell'Angola liberata (1975) e alla morte di Neto (1979) divenne presidente della Repubblica e capo del partito unico MPLA-Partito del lavoro. Con il contributo di un contingente militare cubano tentò di fronteggiare il movimento guerrigliero UNITA capeggiato da Jonas Savimbi. Nel maggio 1991 Dos Santos e Savimbi siglarono, alla presenza dei ministri degli Esteri di Stati Uniti e URSS e del segretario generale dell'ONU, un accordo di pacificazione. La vittoria di Dos Santos e del MPLA nelle prime elezioni multipartitiche nella storia dell'Angola (settembre 1992) non venne tuttavia riconosciuta dall'UNITA, che riprese la lotta armata. Colloqui tra i due leader portarono, nel 1995, al riconoscimento di Dos Santos quale legittimo presidente, ma la tregua ebbe breve durata e nemmeno la costituzione, nell'aprile 1997, di un governo di unità nazionale ebbe il potere di porre fine alla sanguinosa guerra civile che, ancora all'inizio del sec. XXI, continuava a lacerare l'Angola, fino al 2002 quando Dos Santos e UNITA arrivarono ad un accordo per la fine delle ostilità. Negli anni successivi, in un clima di rinascita del Paese, Dos Santos otteneva un nuovo mandato dopo la vittoria del suo partito alle elezioni dell'agosto del 2012.

Media


Non sono presenti media correlati