Questo sito contribuisce alla audience di

Douhet, Giùlio

generale italiano (Caserta 1869-Roma 1930). Ufficiale di Stato Maggiore, comandò dal 1912 al 1915 il primo battaglione di aviatori costituitosi in Italia. Spirito spregiudicato, consegnò all'onorevole Bissolati un memoriale con cui biasimava l'operato del comando supremo e fu condannato a un anno di reclusione a Fenestrelle (1917), dopo di che abbandonò il servizio attivo. Nel 1918 fu però nominato direttore generale del Commissariato dell'aviazione. Famoso il suo saggio Il dominio dell'aria (1921), in cui previde la forza risolutiva dell'aviazione nei conflitti futuri e seppe illustrarne le modalità di impiego e le implicazioni strategiche.

Media


Non sono presenti media correlati