Questo sito contribuisce alla audience di

Driesch, Hans

biologo e filosofo tedesco (Kreuznach 1867-Lipsia 1941). Allievo di E. Haeckel, rivendicò, contro la prospettiva meccanicistica e materialistica del suo maestro, una concezione vitalistica dei fenomeni della natura che in parte si richiama ad Aristotele e al suo concetto di entelechia ed è fortemente interessata alla parapsicologia. In biologia, tra i primi si occupò di embriologia sperimentale, che egli definì fisiologia dello sviluppo (Entwicklungsphysiologie), compiendo interessanti ricerche sull'uovo e sulle larve degli Echinodermi, in base alle quali confutò la teoria dello sviluppo a mosaico di W. Roux. Per spiegare i risultati delle sue ricerche Driesch enunciò l'ipotesi della totipotenza dell'uovo, secondo la quale ogni sua parte potrebbe produrre un embrione completo, e, in opposizione al meccanicismo di Haeckel, ammise che un principio vitale immanente nel germe (entelechia) regolasse lo svolgimento dei fenomeni per cui dall'uovo si forma l'embrione. Opere: Studien über das Regulationsvermögen der Organismen (1896; Studi sulla capacità di rigenerazione degli organismi), Die Lokalisation morphogenetischer Vorgänge (1899; La localizzazione dei processi morfogenetici), Der Vitalismus (1905; Il vitalismo), Parapsychologie (1932; Parapsicologia), Die Überwindung des Materialismus (1935; Il superamento del materialismo). § La cosiddetta legge di Drieschafferma che la grandezza cellulare è quasi costante e oscilla entro limiti determinati per ogni specie animale o vegetale.

Media


Non sono presenti media correlati