Questo sito contribuisce alla audience di

Ducati, guèrra dei-

guerra combattuta nel 1864 dalla Prussia e dall'Austria contro la Danimarca. Costituì il momento culminante della crisi della Confederazione germanica e la premessa alla definitiva affermazione della Prussia, concretatasi nella guerra austro-prussiana del 1866. Ebbe origine con le riforme costituzionali promulgate riguardo ai Ducati danesi (Schleswig e Holstein, membri della confederazione) da parte dei sovrani di Danimarca Federico VII (1855) e Cristiano IX (1863) nel tentativo di salvare alla corona danese almeno lo Schleswig, minacciato come l'Holstein dal crescente nazionalismo tedesco. Tra la fine del 1863 e i primi del 1864 entrarono nei Ducati truppe federali, poi prussiane, quindi austro-prussiane, che il 1º febbraio 1864 apersero le ostilità. La guerra fu di breve durata e si concluse già nell'agosto a favore di Austria e Prussia, che ebbero così i Ducati in amministrazione congiunta. Sin dal momento di dettare le condizioni di pace, l'iniziativa fu costantemente mantenuta da Bismarck, il quale, atteggiandosi a campione della nazione tedesca, grazie anche a contatti presi contemporaneamente con esponenti liberali, riuscì a conquistarsi con la vittoria la fiducia sia dei progressisti sia degli Junker e a preparare l'esclusione definitiva dell'Austria dalla Confederazione tedesca.