Questo sito contribuisce alla audience di

Dumas, Alexandre (scrittore, 1802-1870)

(Dumas padre), scrittore francese (Villers-Cotterêts 1802-Puys, Dieppe, 1870). Figlio di un generale creolo, Thomas Alexandre Davy de La Pailletterie, detto Dumas, e rimasto orfano in tenera età, fu costretto ancor adolescente a lavorare. Si trasferì nel 1822 a Parigi, vivendo del modesto impiego di copista nella cancelleria del duca di Orléans, intensificando le letture storiche e delle opere di Shakespeare, Byron e Walter Scott. Tentato dal teatro, fornì qualche vaudeville ai teatri del boulevard, poi un dramma, Christine de Fontainebleau. Con il successo travolgente di Henri III et sa cour (1829), primo dramma romantico del teatro francese, vennero per Dumas la gloria e l'indicazione a proseguire su quella strada, superando arditamente gli ostacoli della verità storica e della perfezione artistica, incalzato semmai dalle esigenze della vita dispendiosa che conduceva. Dotato comunque di sicuro istinto teatrale, scrisse tragedie, drammi e melodrammi di grande successo, servendosi di uno stuolo di aiutanti (G. de Nerval, A. Maquet, Anicet Bourgeois, Durrieu, Paul Meurice, ecc.): Antony (1831), La tour de Nesle (1832), Don Juan (1836), Kean (1836), Les demoiselles de Saint-Cyr (1843). Contemporaneamente nacquero alcuni celebri romanzi, in cui la storia diventa realtà viva e pittoresca per il grosso pubblico: la trilogia che comprende Les trois mousquetaires (1844), Vingt ans après (1845), Le vicomte de Bragelonne (1848-50); Le comte de Monte-Cristo (1846), La reine Margot (1845), La dame de Montsoreau (1846), Le chevalier de Maison Rouge (1846), Ange Pitou (1853). Esiliatosi a Bruxelles (1851-54), più per sfuggire ai creditori che a Napoleone III, vi scrisse le sue Memorie; al rientro fondò un giornale, poi seguì Garibaldi in Sicilia, stabilendosi a Napoli tra il 1860 e il 1864 e scrisse Les Garibaldiens. Morì in povertà, abbandonato dal pubblico ormai conquistato al romanzo realistico.

Bibliografia

F. Bassan e S. Chevalley, Alexandre Dumas père et la Comédie-Française, Parigi, 1972; Bouvier-Ajam, Alexandre Dumas, ou cent ans après, Parigi, 1973; J. Jan, Alexandre Dumas romancier, Parigi, 1973; Fr. W. J. Hemmings, The King of Romance. A Portrait of Alexandre Dumas, Londra, 1979; J. M. De Falset, Recherches sur la technique de Dumas, Parigi, 1984; R. Bellour, Dumas, Oedipe et la Révolution française, Parigi, 1989.

Media

Alexandre Dumas (padre)