Questo sito contribuisce alla audience di

Dumas, Alexandre (scrittore, 1824-1895)

(Dumas figlio), scrittore francese (Parigi 1824-Marly-le-Roi, Parigi, 1895). Figlio naturale del celebre romanziere e drammaturgo, esordì nel 1847 con una raccolta di versi il cui titolo, Péchés de jeunesse (Peccati di gioventù), riflette esattamente lo stato di disordine della sua vita di quegli anni. Col superamento della crisi morale, alla quale non era estranea l'irregolarità della sua posizione sociale, trovò anche la giusta strada artistica, facendo coincidere i due momenti nella creazione del romanzo La dame aux camélias (1848, rappresentata nel 1852), storia di una redenzione attraverso la passione, trasferita con enorme successo sulle scene quattro anni dopo. Da quel momento si dedicò al teatro affrontando di preferenza temi sociali e morali che, illustrati con veemenza in apposite prefazioni a ciascun lavoro, sviluppò in una serie di vere e proprie commedie a tesi difendendo, tramite la costante presenza di un raisonneur, l'ordinamento consacrato della società: Le demi-monde (1855), La question d'argent (1857), Le fils naturel (1858), L'ami des femmes (1864), M. Alphonse (1873), La femme de Claude (1873), Denise (1885), Francillon (1887). Sui problemi sociali dell'epoca si pronunciò anche in qualche saggio: L'homme-femme (1872), La question du divorce (1880), La recherche de la paternité (1883).

Bibliografia

B. Croce, Alexandre Dumas fils, in Letture di poeti e riflessioni sulla teoria e la critica della poesia, Bari, 1950; A. Maurois, Les Trois Dumas, Parigi, 1957; P. Toussaint, Marie Duplessis, la vraie dame aux camélias, Parigi, 1958; M. d'Artoy, Dumas fils inconnu, ou le Collier de la Dame aux camélias, Parigi, 1964; T. Diehl, Créatures chez Alexandre Dumas fils, Parigi, 1986.

Media

Alexandre Dumas (figlio)