Questo sito contribuisce alla audience di

Eötvös, Roland

fisico ungherese (Budapest 1848-1919). Fu professore di fisica teorica a Budapest e presidente dell'Accademia ungherese delle scienze. Si interessò allo studio della gravitazione e del magnetismo terrestre. Avvalendosi della bilancia di torsione da lui ideata, determinò con estrema precisione l'accelerazione di gravità e dimostrò che in dato luogo è costante per ogni corpo; stabilì inoltre, su basi sperimentali, l'identità di massa gravitazionale e massa inerziale.

Bilancia di torsione di Eötvös

Strumento per ricerche gravimetriche e per prospezioni geofisiche che permette di determinare le derivate parziali del campo di gravità dalle quali si ottiene il gradiente orizzontale , parametro di notevole importanza perché consente d'individuare le anomalie di gravità. La bilancia è costituita da un leggero braccio di alluminio di massa trascurabile foggiato a L o a Z, sospeso per il suo baricentro a un sottile filo di torsione in lega platino-iridio e applicato superiormente a una testa di torsione; alle estremità del braccio sono sospese ad altezza diversa due masse uguali formate da sostanze non alterabili e di alto peso specifico (oro, platino), di qualche decina di grammi. In presenza di un'anomalia sulle due masse della bilancia l'accelerazione di gravità ha valori diversi in intensità e direzione; le componenti orizzontali dell'accelerazione di gravità determinano una coppia di forze che tende a far ruotare il sistema: al momento di rotazione si oppone la torsione del filo e pertanto le misure di gravità sono ricondotte alla valutazione di un momento di torsione elastica. La bilancia di Eötvös consente di individuare anomalie di entità pari a un milionesimo del valore del campo, ma per la complessità del suo uso si preferisce attualmente ricorrere ai gravimetri statici.

Media


Non sono presenti media correlati