Questo sito contribuisce alla audience di

Eimert, Herbert

compositore e critico musicale tedesco (Bad Kreuznach, Palatinato renano, 1897-Colonia 1972). Attivo nel campo dell'avanguardia postweberniana, fondò e diresse la rivista Die Reihe e si impegnò soprattutto nel campo della musica elettronica, dirigendo, dal 1951 al 1963, lo Studio für elektronische Musik di Colonia e ricoprendo, dal 1965, la cattedra di musica elettronica presso il Conservatorio della stessa città. Fra le sue opere: Requiem per voce recitante, armonica a bocca e nastro magnetico (1957); Epitaph für Aichichi Kuboyama, per voce recitante e suoni elettronici (1960-62).

Media


Non sono presenti media correlati