Questo sito contribuisce alla audience di

Ekelund, Vilhelm

poeta e saggista svedese (Stehag 1880-Saltsjöbaden, Stoccolma, 1949). Con una purezza formale classica e con una sensibilità moderna ha cantato le bellezze della sua terra, alla quale ha legato gran parte della sua poesia (Brezza di primavera, 1900; Melodie nel crepuscolo, 1902; Elegie, 1903; In candidum, 1905; Ditirambi nello splendore della sera, 1906). Traduttore dei lirici greci, di Leopardi e Petrarca, dopo la raccolta di poesie La stella del mare (1906) si è dedicato esclusivamente alla saggistica (Antico ideale, 1909; Arco e lira, 1912; Metron, 1918; La seconda luce, 1935; Elpidi, 1939).

Media


Non sono presenti media correlati

Collegamenti