Questo sito contribuisce alla audience di

Elisìr d'amóre

melodramma in due atti di G. Donizetti, su libretto di F. Romani (tratto dal libretto Le Philtre di Scribe), presentato al Teatro della Canobbiana di Milano il 12 maggio 1832. La vicenda narra la conquista della ricca e bella Adina da parte di Nemorino, timido e impacciato contadino, attraverso una serie di avvenimenti di cui il credulo protagonista fa merito al ciarlatano Dulcamara e al suo magico elisir. Il fascino del melodramma, uno dei capolavori di Donizetti, collocabile alle origini del teatro ottocentesco italiano, in senso nazionale, deriva dal sapiente equilibrio tra comico e patetico, dalla felicità con cui l'autore ha caratterizzato i personaggi e ricostruito il sereno quadro campestre che li circonda.

Media


Non sono presenti media correlati