Questo sito contribuisce alla audience di

Enquist, Per Olov

scrittore e giornalista svedese (Västerbotten 1934). Attratto inizialmente dalla narrativa analitica imparentata col nuovo romanzo francese, si rivelò ben presto come esponente della corrente di narrativa sperimentale conosciuta come documentarismo. Dopo un romanzo teso a ricostruire simbolicamente la figura del leader nazista R. Hess (Hess, 1966), con I legionari (1968) Enquist ha affrontato uno dei temi più scabrosi della politica scandinava del dopoguerra: l'estradizione in URSS di alcuni rifugiati baltici. Significativi sono anche i romanzi Il secondo (1971), sul rapporto tra sport e politica, La partenza dei musicanti (1978) e Angelo caduto (1985). Dalla fine degli anni Ottanta alla metà degli anni Novanta si è dedicato soprattutto alla drammaturgia (L'ora della lince, 1988; Il circolo magico, 1994). Successivamente è tornato alla narrativa con Processo a Hamsun (1996), profilo del discusso autore norvegese. Tra gli ulltimi romanzi pubblicati in Italia: Il medico di corte (2001), Il viaggio di Lewi (2004), Il libro di Blanche e Marie (2006), La partenza dei musicanti (2008) e Un’altra vita (2010).

Media


Non sono presenti media correlati