Questo sito contribuisce alla audience di

Enrico di Melk

(Heinrich von Melk), poeta austriaco (sec. XII). Di nobile origine, si ritirò nel convento di Melk e vi compose intorno al 1160 due poemetti: Erinnerung an den Tod (Ricordo della morte) e Priesterleben (Vita dei preti), che rappresentano il culmine e l'epilogo della poesia ascetica cluniacense. In uno stile plasticamente aggressivo e nutrito di metafore, Enrico di Melk condanna i costumi corrotti della nobilità e del clero, affermando la vanità delle cose terrene e il trionfo della morte.

Media


Non sono presenti media correlati