Questo sito contribuisce alla audience di

Epicarmo (commediografo)

commediografo siciliano (prima metà del sec. V a. C.). Fu attivo a Siracusa sotto Gerone. Si conoscono oltre 30 titoli di sue commedie e ca. 300 frammenti, scritti in dialetto dorico secondo la tradizione indigena. Circa metà di queste sue commedie sono parodie mitologiche: delle avventure di Eracle (Eracle alla conquista di Cinto, Eracle presso Folo), di Ulisse (Ulisse disertore, Ulisse naufrago), di Prometeo (Pirra e Prometeo). Nelle altre appaiono già tipi che poi saranno sviluppati dal teatro comico successivo, quali quelli del contadino balordo (Il rustico) e del parassita. Gli si attribuivano anche opere filosofiche e gnomiche, e nell'antichità si ritenne persino che Platone, visitando Siracusa, fosse venuto a conoscenza del pensiero di Epicarmo e ne avesse tratto la sua teoria delle idee.