Questo sito contribuisce alla audience di

Eràclio

antipapa (sec. III-inizio IV). Fu a capo del partito che, dopo la persecuzione di Diocleziano, pretendeva il ritorno dei lapsi alla Chiesa senza la dovuta penitenza. Fu esiliato insieme con papa Eusebio dall'imperatore Massenzio (309 o 310). Il suo nome compare in un'iscrizione di papa Damaso.

Media


Non sono presenti media correlati