Questo sito contribuisce alla audience di

Espejo, Francisco Eugenio de Santa Cruz

patriota e letterato ecuadoriano (Quito 1740-1796). Presidente dell'Accademia letteraria di Quito, si prodigò nella diffusione degli ideali indipendentistici. Le autorità coloniali spagnole ordinarono pertanto la soppressione della rivista da lui fondata: Primicias de la cultura de Quito. Posto sotto accusa di fronte al Consiglio Supremo delle Indie, venne imprigionato e morì in carcere. Tra i suoi scritti, sono da segnalare le satire rivolte contro il regime coloniale.