Questo sito contribuisce alla audience di

Eustachi o Eustàchio, Bartolomèo

anatomista italiano (San Severino Marche ca. 1500-? 1574). È considerato uno dei riformatori dell'anatomia; descrisse con precisione alcune ossa del cranio e tentò di analizzare la struttura fine dei reni e dei denti. Precisò alcune strutture anatomiche dell'orecchio e dei vasi sanguigni. La sua opera maggiore è costituita dalle tavole anatomiche (in origine 54 di cui ne restano 47), incise da De Musis e pubblicate da G. M. Lancisi nel 1714.

Canale dell'orecchio medio che pone in comunicazione la cassa del timpano con la retrocavità delle fosse nasali.

Ripiegatura membranosa semilunare situata sull'orificio della vena cava inferiore.