Questo sito contribuisce alla audience di

Fìnzia

(greco Phintías), ceramografo attico attivo fra il 520 e il 500 a. C. Tra i maggiori (con Eufronio ed Eutimide) pittori primitivi a figure rosse, gli si attribuiscono numerosi grandi vasi dalla tecnica raffinata, con figure monumentali ricche di particolari anatomici (coppa di Monaco con ratto del tripode e uccisione di Alcioneo; anfora di Tarquinia con ratto del tripode e Dioniso fiancheggiato da due gruppi di satiro e menade allacciati; anfora Beugnot del Louvre con ratto di Leto a opera di Tityos). Il nome di Finzia compare 7 volte come pittore; come vasaio appare su due vasi senza figure e su una coppa di Atene con un giovane guerriero che si arma.

Media


Non sono presenti media correlati