Questo sito contribuisce alla audience di

Facta, Luigi

uomo politico italiano (Pinerolo 1861-1930). Ministro delle Finanze con Luzzatti (1910-11) e con Giolitti (1911-14), di Grazia e Giustizia con Orlando (gennaio-giugno 1919) e nuovamente delle Finanze con Giolitti (agosto 1920-luglio 1921); fu incaricato di formare il governo nel febbraio 1922 in una fase drammatica della vita del Paese. Costretto alle dimissioni dopo soli cinque mesi di un'amministrazione formale, che lasciò ancor più dilagare l'azione sovvertitrice dello squadrismo fascista, ricostituì il suo ministero il 31 luglio 1922, ma fu in breve travolto dalla “marcia su Roma” (28 ottobre 1922), nonostante avesse tentato in extremis di ottenere dal re l'autorizzazione a proclamare lo stato d'assedio. Nel 1924 fu nominato senatore.

Media


Non sono presenti media correlati