Questo sito contribuisce alla audience di

Farah, Nuruddin

scrittore somalo di lingua inglese (Baidoa 1945). Per la sua opposizione al regime dittatoriale è emigrato all'estero, ma i suoi romanzi riflettono la vita e i problemi del suo Paese: l'iniziazione alla libertà della donna in From a Crooked Rib (1970; Da una costola storta), l'acculturazione in A Nacked Needle (1976; Un ago nudo), la famiglia e i suoi legami col potere, la fede e la storia nella trilogia composta da Sweet and Sour Milk (1979; Latte agrodolce), Sardines (1981; Sardine), Close Sesame (1983; Chiuditi sesamo). Nella trilogia successiva, Maps (1986; Carte), Gift (1992; Doni) e Secrets (1998; Segreti), Farah esplora i problemi dell'identità: lingua, madre, terra, clan. La scrittura è complessa, bella anche se talvolta di difficile decodificazione. Nei romanzi d'atmosfera ritorna, greve di minacciosi presagi, il tema della dittatura.In seguito ha pubblicato Yesterday, Tomorrow. Voices from the Somali Diaspora (2003; trad. it. Rifugiati. Voci della diaspora somala) e Links (2004; Legami).

Media


Non sono presenti media correlati