Questo sito contribuisce alla audience di

Federico III (re di Sicilia)

d'Aragona, re di Sicilia (Catania 1342-Messina 1377). Figlio di Pietro II d'Aragona, nel 1355 succedette sul trono di Sicilia al fratello Luigi sotto la tutela delle sorelle (Costanza prima ed Eufemia poi). Dovette fronteggiare una grave crisi interna dovuta alla lotta fra la fazione filo-angioina dei cosiddetti “Italiani”, guidati dai Ventimiglia, dai Chiaramonti e dai Palizzi, e quella filoaragonese dei “Catalani”, capitanati dai Velasco. Approfittando della situazione, Giovanna I, regina di Napoli, inviò il gran siniscalco del regno Niccolò Acciaiuoli a occupare la Sicilia, e molte città, fra cui Messina, si diedero agli Angioini, mentre le stesse sorelle di Federico III venivano imprigionate. Solo con l'aiuto di Pietro IV d'Aragona Federico III, per la sua incapacità detto il Semplice, riuscì a resistere a Catania; l'anno dopo (1372) concluse la pace con Giovanna I, che rinunciò definitivamente alla Sicilia a patto che Federico III s'intitolasse re di Trinacria e si riconoscesse suo vassallo.