Questo sito contribuisce alla audience di

Ferrarìn, Arturo

aviatore italiano (Thiene, Vicenza, 1895-Guidonia, Roma, 1941). Dopo aver partecipato come pilota di caccia alla prima guerra mondiale, portò a compimento memorabili imprese aviatorie. Nel 1920 effettuò a tappe la trasvolata Roma-Tōkyō con un biplano SVA. Nel 1928, insieme a C. Del Prete, conseguì i primati mondiali di durata di volo (58 ore e 30 mimuti) in circuito chiuso e di distanza senza scalo (7158 km), con volo diretto Roma-Porto Natal (Brasile) a bordo di un aereo Savoia-Marchetti S 64. Già insignito della medaglia d'oro al valore aeronautico, morì durante il collaudo di un nuovo aereo.

Media


Non sono presenti media correlati