Questo sito contribuisce alla audience di

Fiéschi, Giàn Luigi il Gióvane

nobile (? 1522-Genova 1547). Figlio di Sinibaldo e di Maria della Rovere, fu il protagonista della congiura che da lui prese nome, alla quale fu spinto dalla decadenza economica della propria famiglia e dall'invidia per l'ascesa di Andrea Doria nella vita della Repubblica genovese. Il colpo, che doveva portare all'uccisione di Andrea e di Giannettino Doria e di Adamo Centurione, suocero di questi, nonché all'elevazione al dogato di Barnaba Fregoso, fu attuato dal 2 al 3 gennaio 1547 con l'appoggio dei Francesi ma fallì per l'accidentale morte del Fieschi stesso. I suoi seguaci abbandonarono l'impresa durante la quale perirono Giannettino Doria e Gerolamo Fieschi, fratello di Gian Luigi.

Media


Non sono presenti media correlati

Collegamenti