Questo sito contribuisce alla audience di

Fino Mornasco

comune in provincia di Como (9 km), 330 m s.m., 7,26 km², 8229 ab. (finesi), patrono: santo Stefano (26 dicembre).

Centro della collina comasca, situato tra i torrenti Seveso e Lura. Già sede di uno stanziamento romano, come attestano i numerosi ritrovamenti archeologici, nel Medioevo fece parte del comitato del Seprio e fu sede di una pieve posta sotto la giurisdizione del vescovo di Como, il cui possesso fu confermato da Federico Barbarossa con un diploma del 1152. Passò poi sotto la diretta giurisdizione del comune di Como (1240) e da allora seguì le vicende della città. Dopo la signoria dei Visconti e degli Sforza entrò a far parte del Ducato di Milano. La neoclassica villa Raimondi (sec. XVIII), circondata da un vasto parco, fu costruita inglobando edifici appartenuti agli Odescalchi, che ebbero il possesso del feudo dal 1721.§ L'industria opera, oltre che nel tradizionale comparto tessile (seta e fibre sintetiche, con le collaterali attività di stampaggio e tintura dei tessuti), anche nei settori meccanico, chimico e della plastica. Di un certo rilievo è inoltre l'artigianato del peltro (incisioni artistiche e cesellatura).

Media


Non sono presenti media correlati