Questo sito contribuisce alla audience di

Flamìnio, Marco Antònio

umanista italiano (Serravalle, oggi Vittorio Veneto, 1498-Roma 1550). Appartenne al cenacolo letterario di Leone X e fu per parecchi anni al servizio del vescovo Giberti. Partecipò, al seguito del cardinale Polo, al Concilio di Trento. La sua produzione comprende liriche bucolico-amorose (Lusus pastorales, 1515), poesie religiose a imitazione dei salmi davidici (Paraphrasis in triginta psalmos, 1546) e poesie spirituali (De rebus divinis carmina; postume, 1551). Pregevole l'epistolario in volgare.

Media


Non sono presenti media correlati