Questo sito contribuisce alla audience di

Frìgia

Guarda l'indice

Generalità

(greco Frygía; latino Phrygía). Regione storica dell'Asia Minore, il cui nome è oggi riferito alla regione montuosa corrispondente agli alti bacini dei fiumi Meandro, Gediz e Sakarya, tra la Bitinia a N, la Pisidia a S, la Lidia, la Caria e la Misia a W e la Licaonia e la Galazia a E. La popolazione è dedita all'agricoltura (cereali, frutta, tabacco, papavero da oppio), all'allevamento ovino e bovino e all'artigianato dei tappeti.

Cenni storici

La regione prende nome dai Frigi, un antichissimo popolo ario-europeo che, proveniente dai Balcani, ivi si stabilì intorno al II millennio a. C., dopo una graduale penetrazione nella penisola anatolica. In quel periodo la Frigia comprendeva tutta la parte occidentale dell'altopiano centrale dell'Asia Minore e si estendeva fino al fiume Halys a oriente e fino alla costa egea a occidente. Successivamente la regione si restrinse a occidente per l'emergere del regno di Lidia e a settentrione per le successive invasioni di Misi e di Bitini dall'Europa e, molto dopo, di Galati (278 a. C.). Così tra la costa egea e i confini occidentali della Frigia vennero a interporsi la Paflagonia, la Bitinia, la Misia e la Lidia. Nei sec. X-VIII a. C. i Frigi erano la potenza egemone dell'Asia Minore; il loro regno, retto da sovrani che portavano alternativamente il nome di Mida e di Gordio, in questo periodo ebbe una notevole espansione verso occidente e contatti con l'Eolide e la Ionia: ciò potrebbe trovare una conferma nella frequente menzione di Frigi nei poemi omerici. Sulla loro espansione verso oriente si hanno informazioni da fonti assire, con vari e contrastanti rapporti, finché l'Assiria con Sargon II(721-705 a. C.), non venne a trovarsi a diretto contatto con il territorio del re frigio sull'altopiano anatolico (714 a. C.). L'invasione dei Cimmeri, il cui dominio sarebbe durato sino al 610-590, pose fine al regno frigio nei primi decenni del sec. VII a. C. La Frigia cadde poi sotto il potere dei Lidi, senza più recuperare la propria indipendenza. Con la disfatta di Creso del 546 a. C. andò soggetta ai Persiani; passò poi sotto il dominio seleucidico, ma nel 188 a. C. la parte occidentale, la Frigia Epiktetos, fu annessa ai domini di Pergamo. Nel 133 a. C. la maggior parte della Frigia fu incorporata nella provincia romana di Asia. Nel 25 a. C. la rimanente parte orientale divenne una regione della provincia di Galazia.

. Webtrekk 3.2.2, (c) www.webtrekk.com -->