Questo sito contribuisce alla audience di

Frónda

(francese Fronde). Movimento rivoluzionario francese cominciato nel 1648 e conclusosi nel 1653. Durante la reggenza di Anna d'Austria e del suo primo ministro, il cardinale Mazzarino, una situazione di grave scontento dette origine a due moti rivoluzionari, la Fronda parlamentare (1648-49) e quella dei principi (1650-53). Dal 1648 il potere regale si scontrò con il Parlamento di Parigi che si era opposto alla politica finanziaria del Mazzarino e intendeva controllare il potere del sovrano. All'arresto di uno dei consiglieri, Broussel, rispose un'insurrezione del popolo parigino (la journée des barricades del 26 agosto 1648) cui fece seguito la partenza della corte, che si rifugiò a Saint-Germain-en-Laye. La capitale, difesa dalle milizie comandate da Conti e Beaufort, fu assediata dall'esercito del principe Louis II di Condé. Dopo le vittorie di quest'ultimo a Charenton e a Longjumeau, fu conclusa la Pace di Rueil (11 marzo 1649): gli insorti si sottomisero e, in cambio, si assicurarono la concessione dell'amnistia. L'agitazione riprese quando Mazzarino fece arrestare il principe di Condé, passato tra i nemici del cardinale, il duca di Longueville e il principe di Conti. Promossa dai grandi signori essa prese, questa volta, il nome di Fronda dei principi; l'esercito di Turenne, venuto in aiuto degli insorti, fu sconfitto a Rethel (15 dicembre 1650). La reggente Anna d'Austria dovette però acconsentire a separarsi da Mazzarino che si rifugiò a Colonia. I principi, liberati, ricominciarono a tramare. Condé, radunati i suoi partigiani a Bordeaux, intraprese una marcia su Parigi. Turenne, questa volta agli ordini della corte, fu incapace di fermarlo: Parigi aprì le porte agli insorti il 2 luglio 1652. I principi divennero, così, padroni della città, ma si abbandonarono a un gioco di fazioni che creò una situazione insostenibile. La città stessa chiese, attraverso il Parlamento, che venisse ristabilita la pace. Mazzarino rientrò a Parigi il 3 febbraio 1653, mentre Condé, che durante le ostilità aveva chiesto aiuto agli Spagnoli, si rifugiò presso questi ultimi e fu condannato a morte in contumacia. Nell'agosto 1653 fu ripresa anche Bordeaux, che era stata uno dei massimi centri della rivolta. § Per estensione, come sf., è passata a indicare un'opposizione larvata, ma sistematica, all'interno di un governo, di uno schieramento politico, ecc.

Media


Non sono presenti media correlati