Questo sito contribuisce alla audience di

Franzobel

pseudonimo dello scrittore austriaco Franz Stefan Griebl (Vöclabruck, Alta Austria, 1967). Dopo aver esordito come artista figurativo con il nome di Franz Zobl, si è imposto all'attenzione della critica con opere sperimentali quali Die Musenpresse (1994; La stampa delle muse) e si è affermato definitivamente nel 1996 con il testo Krautflut ( Profluvio d'erbe), un ardito collage di “cascate di parole”, che lo inserisce nella tradizione di Ernst Jandl. Dello stesso anno sono lo scritto autobiografico Schinkensünden (Peccati al prosciutto) e la sua prima opera teatrale Das Beuschelgeflecht (Il piatto di trippa), dramma satirico imbastito di dialoghi audaci, utilizzati anche nel successivo Linz. Eine Obsession (1996; Linz. Un'ossessione.). Nel 1997 Franzobel pubblica le commedie Kafka, in cui la relazione sentimentale del grande praghese con Felice Bauer induce a una riflessione umoristica e a tratti sfacciata sull'interpretazione e ricezione del lavoro creativo, e Der Trottelkongreß (Il congresso dei cretini), opera irriverente in cui trionfa il grottesco. Approda, infine, al romanzo nel 1998 con Böselkraut und Ferdinand (Böselkraut e Ferdinando), una vera e propria favola in cui una coppia che ricorda Don Chisciotte e Sancho Pansa intraprende un viaggio in un presente fuori dal tempo. Anche questo testo, di tipo sperimentale, è una sorta di euforia verbale quasi ossessiva, in cui Franzobel si interroga sulla cosiddetta “normalità” del mondo dei bambini e degli adulti. Nello stesso anno pubblica, anche, il dramma Bibapoh.

Media


Non sono presenti media correlati

Collegamenti