Questo sito contribuisce alla audience di

Friedman, Yona

architetto francese di origine ungherese (Budapest 1923). Emigrata in Francia e ivi naturalizzata, compì gli studi in Ungheria all'Università di Budapest e al Technion di Haifa in Israele. Stabilitasi a Parigi nel 1958, divnne membro fondatore, con Frei Otto, Werner Ruhnau ed Eckhard Schulze-Fielitz, del GEAM (Groupe d'Ètude d'Architecture Mobile), di cui pubblicò il manifesto Architecture Mobile. Insegnò al Massachusetts Institute of Technology, alla University of California di Los Angeles, alla Princeton University del New Jersey e presso altri istituti universitari nordamericani. Tra i suoi numerosi libri, per la maggior parte inerenti al programma del gruppo, ricordiamo: L'Architecture Mobile (1970; L'architettura mobile), Pour l'architecture scientifique (1971; Sull'architettura scientifica), Où commence la Ville? (1978; Dove inizia la città?). Tra le opere realizzate o progettate, i Rifugi Cilindrici (1953-58), le Capanne per il Sahara (1958), le Città Spaziali (Tunisi spaziale, Parigi spaziale, ecc.) (1958-59), la Venezia di Monaco (1959), la Città-Ponte sul Canale della Manica (1963), il piano alternativo per la Place Beaubourg di Parigi (1971), i quartieri generali CDC di Ivry (1976).

Media


Non sono presenti media correlati

Collegamenti