Questo sito contribuisce alla audience di

Frusta letterària, La-

rivista quindicinale, fondata e redatta a Venezia nel 1763 da G. Baretti e soppressa nel 1765 dal governo veneto. Gli ultimi numeri uscirono ad Ancona dal 1º aprile al 15 luglio 1765 e furono dominati da un'aspra e risentita polemica contro il frate celestino padre Appiano Buonafede, che aveva contribuito a far cessare la pubblicazione. Con lo pseudonimo di Aristarco Scannabue, Baretti fustigava il vecchio mondo arcadico e accademico, propugnando l'ideale di una letteratura scevra di adulazione e volta all'utile. La Frusta letteraria inaugurò una prosa moderna, frizzante e mordace.