Questo sito contribuisce alla audience di

Gàsparo da Salò

nome col quale è noto il liutaio italiano G. Bertolotti (Salò 1540-Brescia 1609). Membro di una famiglia di liutai, lavorò dapprima in Salò e dal 1562 a Brescia, per ca. due anni, nel laboratorio di G. Virchi. È considerato, con il cremonese A. Amati (cui la priorità spetterebbe per ragioni anagrafiche), il creatore del violino moderno, che realizzò con materiali pregiati, ricavando sonorità piene e robuste. La sua produzione (viole, violini, lire, contrabbassi, ecc.) fu apprezzata in vari Paesi d'Europa e celebri virtuosi scelsero i suoi strumenti; per esempio Dragonetti suonò su un suo contrabbasso e Ole Bull possedette due suoi violini. Il suo allievo più noto è G. P. Maggini.

Media


Non sono presenti media correlati