Questo sito contribuisce alla audience di

Gagaku

genere musicale giapponese. Il termine (propr. musica elegante) deriva dalla denominazione (ya-yüeh) dell'antica musica di corte cinese dell'epoca T'ang (sec. VI-X) che, introdotta presso la corte imperiale giapponese, si diffuse tra l'aristocrazia, assimilando la musica vocale preesistente. Secondo la loro diversa origine, le composizioni gagaku si distinguono in: musiche e danze sacre e profane di antica origine giapponese (kagura, kume-mai, yamato-mai, azuma-asobi, ecc.), spesso accompagnate dal canto; composizioni musicali pure (kangen) e composizioni musicali accompagnate da danze (bugaku), originarie della Cina, dell'India o della Corea. Le esecuzioni di musica gagaku sono costituite da melodie dal ritmo lento e grave, basate su scale pentatoniche e interpretate simultaneamente da un'ampia gamma di strumenti a fiato, come il hichiriki (oboe), il ryūteki (flauto orizzontale), il komabue (flauto coreano) e lo shō (piccolo organo cinese a bocca); strumenti a corde, come il biwa (liuto a quattro corde) e il koto (arpa orizzontale a 13 corde), e strumenti a percussione, come il taiko (grande tamburo sospeso), il kakko (piccolo tamburo a tensori) e lo tsuzumi (tamburo laterale di origine coreana).