Questo sito contribuisce alla audience di

Galilèo (telecomunicazioni)

nome del sistema globale di navigazione satellitare GPS di seconda generazione dell'Unione Europea e dell'Agenzia Spaziale Europea (ESA), destinato a servizi civili, ma con implicazioni anche militari. è analogo, ma di precisione molto maggiore, al GPS/NavSTAR statunitense e al GLONASS russo; è stato approvato definitivamente il 26 marzo 2003 dall'Unione Europea. Con tale sistema GPS autonomo civile l'Europa ha inteso superare il problema del controllo militare effettuato dai due già esistenti. Sia il GPS sia il GLONASS, infatti, possono essere disattivati o depotenziati senza preavviso in caso di crisi internazionali, creando problemi ai civili che utilizzano tali sistemi. , già disponibile nel 2008 e pienamente operativo dal 2009, è composto da 30 satelliti, denominati GalileoSat, di cui 27 sempre attivi in orbite a 23.616 km, inclinate di 56 gradi sull'Equatore. Al sistema , finanziato con fondi pubblici e privati, aderiscono in maggior misura, con una quota paritetica del 17,5%, Italia, Francia, Germania e Gran Bretagna. La sede e il governo della sezione spaziale è affidata alla Germania; l'Italia ha invece la sede legale e il viceamministratore delegato. fornisce principalmente: un servizio gratuito di assistenza alla guida; la certificazione (a pagamento) dei movimenti di navi, aerei e altri veicoli; segnalazioni dettagliate sui percorsi stradali, sul corso e gli argini dei fiumi e su eventuali smottamenti del terreno.