Questo sito contribuisce alla audience di

Gallése

comune in provincia di Viterbo (32 km), 135 m s.m., 37,30 km², 2757 ab. (gallesini), patrono: san Famiano (8 agosto).

Centro della valle del Tevere alle falde dei monti Cimini. Fu un importante centro etrusco. Passato alla Chiesa nel 733, lo ebbero in feudo gli Spinelli, i Colonna, gli Orsini (per i quali fu eretto a ducato nel sec. XVI), i Della Rovere e i Carafa. § Il nucleo antico è dominato dal Palazzo Ducale, castello medievale trasformato in residenza dal Vignola e completato poi in forme barocche, con portico, loggia, sale interne che ospitano opere del Vasari e dipinti della scuola olandese. La chiesa di San Famiano, medievale ma rimaneggiata nei sec. XVI e XVIII, presenta un interno a quattro navate e affreschi del sec. XV. La cattedrale fu riedificata alla fine del Settecento con elementi barocchi e due campanili ai lati della facciata. Nei pressi si trovano resti di antiche tombe etrusche. § Accanto all'agricoltura (nocciole, tabacco, olive e uva) e all'allevamento avicolo, operano industrie di ceramiche, sanitari, costruzioni ferroviarie, elettronica e plastica. Il turismo è estivo, naturalistico ed escursionistico all'oasi del WWF di Pian Sant'Angelo.