Questo sito contribuisce alla audience di

Ganivet, Ángel

scrittore spagnolo (Granada 1865-Riga 1898). Laureatosi in filosofia a Madrid, intraprese la carriera di docente universitario, ma poi la abbandonò per dedicarsi a quella diplomatica (fu console ad Anversa, Helsinki e Riga, dove si suicidò gettandosi nel fiume Dvina). Narratore e saggista fecondo, è considerato uno dei maestri e precursori della Generazione del '98, con la quale ebbe in comune la coscienza della crisi spagnola e l'ossessiva ricerca di una soluzione al problema del proprio Paese. Fu amico di Unamuno, al quale è accomunato da un individualismo esacerbato e dall rifiuto dell'europeizzazione e del positivismo, in favore della ricerca di una soluzione “spagnola” alla crisi del Paese. Tra i numerosi saggi (Cartas finlandesas, 1899; Hombres del Norte, 1905), il più significativo è Idearium español (1897), tentativo di interpretare la storia di Spagna e di analizzare le cause della sua decadenza. Il romanzo Los trabajos del infatigable creador Pio Cid (1898), autobiografico, rappresenta il suo capolavoro narrativo e un quadro vivo e originale della vita madrilena alla fine del sec. XIX.

Media


Non sono presenti media correlati