Questo sito contribuisce alla audience di

Gargallo, Tommaso, marchése di Castellentini

letterato italiano (Siracusa 1760-1842). Fedele alla dinastia borbonica, fu nominato ministro della Guerra da Ferdinando IV, ma preferì dimettersi per dedicarsi alle lettere. Educato al culto dei classici, subì tuttavia l'influsso del Romanticismo (Le veronesi, 1825-28; Le malinconie, 1835). Molto apprezzate le sue traduzioni delle Odi composte da Orazio (1809), del De Officiis, opera filosofica di Cicerone (1814) e le Satire di Giovenale (1842).

Media


Non sono presenti media correlati