Questo sito contribuisce alla audience di

Gayomart

(persiano, vita mortale). Il primo uomo secondo la tradizione mazdea. Nel mito cosmogonico tramandato dalla letteratura pàhlavi, viene creato da Ohrmàzd (Ahura Mazdā), il dio del Bene, nei primi tre millenni della storia cosmica, insieme al bue primordiale. Gayomart viene subito attaccato dalle forze di Ahriman (Angra Mainyu), il dio del Male, e dopo trent'anni di lotta soccombe; dal suo seme purificato dalla luce solare ha origine l'umanità. Gayomart definisce il carattere dominante del genere umano, la mortalità, sotto il cui segno si svolge tutto il primo periodo della creazione: quello della “vita” che diviene “mortale” per combattere le forze del male. L'Avestā ricorda gli onori resi alla sua “anima”.

Media


Non sono presenti media correlati