Questo sito contribuisce alla audience di

Gerardo (vescovo)

vescovo di Csanád, santo (m. 1046). Nato a Venezia, forse discendente dalla famiglia Sagredo, entrò nel monastero benedettino di S. Giorgio Maggiore, di cui divenne abate. Partì per la Terra Santa, ma giunse solo fino all'Ungheria. Fu maestro del principe Emerico, figlio di Stefano il Santo; fu poi nominato vescovo. Partecipò all'opera della conversione del Paese al cristianesimo e fu ucciso durante una rivolta pagana. Scrisse varie opere, di cui rimase un commento a Daniele III, 57- 65, la Deliberatio supra hymnum trium puerorum.

Media


Non sono presenti media correlati