Questo sito contribuisce alla audience di

Giap, Vô Nguyen, detto-

generale e uomo politico vietnamita (An Ka, presso Dong Hoi, 1912). Di origine contadina, iniziò giovanissimo a militare nel partito del “nuovo Viet Nam” e per quest'attività venne incarcerato dal 1930 al 1933. Uscito di prigione, militò prima nel Partito socialista e poi in quello comunista, per rifugiarsi in Cina meridionale nel 1939, al suo scioglimento. Qui prese contatto con Ho Chi-Mihn, adoperandosi per la costituzione del Vietminh. Rientrato in patria, fu organizzatore e dirigente dei reparti partigiani durante l'occupazione giapponese dell'Indocina (1940-45). Proclamata la repubblica (2 settembre 1945), ne divenne ministro degli Interni e poi della Guerra. Giap, come comandante supremo delle forze del Vietminh, diresse da brillante stratega la lotta del suo popolo contro i Francesi fino alla vittoria di Dien Bien Phu (1954). Fu poi comandante in capo delle forze armate del Viet Nam del Nord, ministro della Difesa e vice primo ministro (1960) del governo di Hanoi; capeggiò la lotta contro il Viet Nam del Sud e diresse anche l'ultima vittoriosa offensiva della primavera 1975. Dopo l'unificazione del Paese (1976), venne riconfermato nelle sue cariche di ministro della Difesa nazionale e di vice primo ministro. Ma all'inizio del 1980 veniva sostituito da Van Tieng Dung, nuovo ministro della Difesa, e nel 1991 usciva dalla scena politica non essendo stato confermato nella carica di vice primo ministro e non ricoprendo più alcun ruolo in seno al partito. Massimo teorico della guerriglia contadina, è autore di Guerra di popolo (trad. it. 1968) e di La vittoria del Vietcong (trad. it. 1968).

Media


Non sono presenti media correlati