Questo sito contribuisce alla audience di

Gibson, Mel

attore e regista statunitense (Peekskill, New York, 1956) . Adatto a ruoli d'azione, raggiunge il successo interpretando il personaggio di Mad Max nei film di George Miller (Interceptor, 1979; Mad Max - Il guerriero della strada, 1981; Mad Max - Oltre la sfera del tuono, 1985). Dotato di fascino virile, l'attore possiede anche un talento recitativo emerso già in Tim (1979), grazie al quale ha ottenuto il premio di migliore attore dell'anno in Australia, e soprattutto in Gallipoli (1981) e Un anno vissuto pericolosamente (1983). Divo poliedrico, ha privilegiato il cinema d'azione, come la tetralogia di Arma letale (1987, 1989, 1992, 1998) che gli ha dato popolarità internazionale, Tequila Connection (1988), Due nel mirino (1990) e Maverick (1994). Ha recitato anche ruoli drammatici e più impegnativi come in Amleto (1990) di Zeffirelli e in L’uomo senza volto (1993), di cui è sua anche la regia. Nel 1995 ha ottenuto un grandissimo successo con il film da lui diretto e prodotto Braveheart - Cuore impavido, che ha vinto 5 Oscar. Inoltre ha recitato in Ransom - Il riscatto (1996), diretto da R. Howard, e in Ipotesi di complotto (1997), di R. Donner. Nel 1998 è stata la volta di Payback, una favola nera nella migliore tradizione letteraria hard-boiled. Nel 2000 è stato protagonista de Il patriota, kolossal storico ambientato all'epoca della guerra d'indipendenza americana e nel 2002 ha interpretato un sacerdote in crisi in Signs, di M. N. Shyamalan. Nel 2004 ha diretto La Passione di Cristo, ricostruzione delle ultime ore di Gesù, recitato interamente in lingua aramaica e nel 2006 Apocalypto. Nel 2011 è protagonista in The Beaver di J. Foster e nel 2015 di Blood Father di Jean-François Richet.

Media

Mel Gibson