Questo sito contribuisce alla audience di

Gillick, Liam

artista inglese (Aylesbury 1964) appartenente alla generazione dei YBAs (Young British Artists). Lavora con un'ampia gamma di mezzi espressivi: oggetti, film, sceneggiature, libri, a cui affianca un'attività di critico, di allestitore di mostre e realizzatore di progetti architettonici. È conosciuto soprattutto per gli oggetti creati con strutture geometriche modulari di alluminio scintillante e plexiglas colorato, che alludono alle costruzioni del movimento neoplastico De Stijl. Attento ad approfondire i rapporti tra architettura, arte e ha pubblicanto saggi e libri al riguardo. Attraverso interventi, spesso di carattere ambientale e quasi mimetizzati nel contesto, in uffici, suite di aziende, banche, bar e spazi di socializzazione, si è interessato alla semiotica dell'architettura. Nel 1996 è stato inserito nella mostra collettiva Traffic al Capc, Musee d'Art Contemporain di Bordeaux che ha segnato l'affermarsi dell'arte relazionale nel panorama dell'arte contemporanea. Nel 1997 ha partecipato alla Documenta 10 di Kassel e nel 2001 alla seconda Biennale di Berlino

. Webtrekk 3.2.2, (c) www.webtrekk.com -->