Questo sito contribuisce alla audience di

Gonzaga, Giùlia

contessa di Fondi (forse Gazzuolo 1513-Napoli 1566). Figlia di Ludovico Gonzaga di Sabbioneta e di Francesca Fieschi, a quattordici anni andò in sposa a Vespasiano Colonna, conte di Fondi, ma, rimasta vedova dopo solo un anno di matrimonio, vinta l'opposizione dell'abate di Farfa, Napoleone Orsino, che voleva toglierle il piccolo Stato, fece della sua dimora un luogo di convegno per letterati, poeti e uomini di cultura. Riuscita a sfuggire al tentativo (1534) del pirata Khair ad-Dīn Barbarossa di rapirla e inviarla a Solimano, nel 1553 si ritirò in monastero a Napoli, senza però prendere i voti. Successivamente, essendosi mantenuta in contatto con esponenti valdesiani, fu sospettata dall'Inquisizione.

Media


Non sono presenti media correlati