Questo sito contribuisce alla audience di

Grandi, Giusèppe Doménico

scultore italiano (Ganna, Varese, 1843-1894). Frequentò a Milano l'Accademia di Brera e, amico di T. Cremona, fece parte del gruppo degli Scapigliati. Maturò uno stile caratterizzato da un grande senso pittorico e da un vibrante luminismo, come appare dal monumento di Cesare Beccaria (1871), dal Paggio di Lara (1872, Milano, Galleria d'Arte Moderna) e ancor più dai bronzetti (il Maresciallo Ney, la Pleureuse, Milano, Galleria d'Arte Moderna) i quali, rispecchiando l'intenzione dell'artista che voleva far diventare la scultura pittura compenetrando la forma di luce, precorrendo Medardo Rosso. La sua opera di maggior impegno è il monumento alle Cinque Giornate di Milano.