Questo sito contribuisce alla audience di

Graziósi, Pàolo

paletnologo e antropologo italiano (Firenze 1906-1988). Laureatosi a Firenze in scienze naturali (1930), si formò scientificamente alla scuola di Aldobrandino Mochi. Fu fondatore del Museo ed Istituto Fiorentino di Preistoria, della Rivista di Scienze Preistoriche (1946) e dell'Istituto Italiano di Preistoria e Protostoria (1954). Insieme ad altri autorevoli paletnologi e naturalisti, quali l'abate Breuil, Nello Puccioni e Gian Alberto Blanc, partecipò a numerosi scavi archeologici. Successivamente diede l'avvio a missioni in Africa (1933-68), in Asia (1954-60) e in America Meridionale (1957-59), con proficue parentesi europee. La sua ricerca ha portato nuovi dati per l'interpretazione dell'arte paleolitica e per una migliore conoscenza delle industrie litiche del Paleolitico superiore. Numerose le pubblicazioni, tra cui fanno spicco quelle sull'arte nell'antichità: L'arte dell'antica Età della Pietra (1956), L'arte preistorica in Italia (1973) e Le pitture preistoriche della grotta di Porto Badisco (1980).