Questo sito contribuisce alla audience di

Gregorétti, Ugo

regista italiano (Roma 1930). Arguto e ironico osservatore di costume in televisione (da Controfagotto, 1961, a Il circolo Pickwick, 1967, alle serie parodistiche Romanzo popolare italiano, 1975, e Uova fatali, 1977, all'omaggio a Zavattini scrittore, 1982, all'inchiesta Sottotraccia, 1991, dedicata all'Italia “minore” e seminascosta), ha dato tra l'altro al cinema I nuovi angeli (1962), film-inchiesta sui giovani, l'apologo fantascientifico Omicron (1963), due documentari (Apollon, una fabbrica occupata, 1969; Il contratto, 1971), l'autobiografico Maggio musicale (1990). Ha svolto anche attività di regista teatrale e ha diretto, dal 1985 al 1989, il Teatro Stabile di Torino. Nel 1998 ha messo in scena Purgatorio 98, una versione rivisitata del Purgatorio di Dante, che contiene elementi di contaminazione come l'uso del dialetto napoletano. Nel 2006 ha pubblicato la sua autobiografia: Finale aperto.

Collegamenti